mercoledì, maggio 28, 2008

Un pranzo di gala

Tristezza... per favore va via, perché tu in casa mia... insomma, abbiamo capito. Alla fine chiuso un giorno di rottura di scatole si volta pagina e ne comincia un altro foriero di interessanti novità. Oggi la voglia di andare a lezione l'ho trovata perché o così o pomì, già studiare il cinese non è certo un pranzo di gala, figurarci se posso permettermi il lusso di saltare le lezioni di lingua. Il pomeriggio era prevista la gita al Tian Tan, tempio del cielo. Qualsiasi cosa sia o rappresenti certo è una specie di monumento simbolo di Pechino, tant'è vero che sta pure sull'immagine di copertina della mia cartina.

Alla fine la giornata era niente male, calda ma non eccessiva (poi il chioschetto cinese presente in ogni dove aiuta sempre da questo punto di vista), eravamo in sei, solito metodo cinese ovvero c'è l'autobus a disposizione solo per l'andata, il ritorno è a discrezione, tian tan in quanto sale monumenti e altra robaccia non è assolutamente questo granchè, ma se lo consideri un bel parchetto non è niente male. Poi abbiamo incontrato anche un po' di italiani, una coppia credo fosse di roma, un altro gruppo veniva da chieti. Io credo che alla fine il po' di sole che ho preso alla grande muraglia, anche se a strisce, mi ha donato un colorito più decente, insomma, in fondo oggi il mio umore era un po' migliore del solito. Come se non bastasse ho anche fatto una foto con una bimba (vedere aggiornamento flickr comodamente qui a fianco) il che basta per dare un senso alla mia permanenza pechinese, poi mi ha anche chiamato il professore di musica spiegandomi il programma dei concerti di oggi e domani, poi accidentalmente il tiantan e la sua porta ad est sono proprio di fronte ad un mercato di corbellerie cinesi varie più uno dedicato ai giocattoli, e scusate se è poco.
In pratica finito di pascolare per il parchetto, ammirare porticati e pagode che sembravano dipinti la settimana scorsa (e forse lo erano), atteso pazientemente che qualcuno facesse incetta di souvenir semiseri, via di giro al mercato dove ogni frivolezza, ogni ciofega diventa realtà. Stavolta c'era Elisabetta e quindi in tre anche l'acquisto di una penna implicava una negoziazione a sangue, l'ultimo acquisto dove io ho comprato il timbro col mio nome (quanto lo volevo), gli altri due baldi giovani invece una penna con laser, degli accendini a forma di libretto rosso di mao, due copie del suddetto libretto in miniatura, delle penne con diecimila gadget tra cui puntatore, luce antifalsificazione, luce svela inchiostro simpatico e altro che non ricordo... insomma, è stata una cosa così lunga è travagliata che la battaglia delle termopili ne esce davvero sminuita da quello che siamo stati in grado di combinare. Alla fine ad orario chiusura e stremati abbiamo anche suggellato il tutto con una foto con la tizia che ci ha venduto tutto, tizia che mi ricordava assai assai tila tequila, per dimensioni, aspetto e anche per il suo inglese un po' così.
Però è stato davvero divertente e mentre attendevamo il cesto di cose fritte miste al kfc non ho potuto fare a meno di timbrare un po' qui un po' lì e smanettare con le altre cose nuove di pacca.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Amamzza quanto ti stai divertendo cocco!!! Ma il detto "figurarci se posso permettermi il lutto" è tipicamente cinese ??? Voglio venire pure io in cina :| ma ci si riesce senza sapere il cinese ???

MAio ha detto...

si, è vero, mi sto divertendo molto in effetti. per lo svarione grammaticale chiedo perdono, alcune volte i post li scrivo di notte e capita insomma, in particolare mi sa che la mostruosità l'avevo anche notata, ma per pigrizia mai corretta. sapere il cinese in cina è un bell'optional, quando hai la faccia da occidentale nessuno da per scontato che tu lo sappia... e anche se anche pensare che gli indigeni parlino inglese è una mera fantasia... alla fine con gesti, calcolatrici e quant'altro si può stare tranquillamente :) almeno secondo la mia esperienza!
(ci conosciamo, caro anonimo? :P)

Anonimo ha detto...

No :) tranne quando arrivi a Collestrada con Alessio e io sto parcheggiato lì vicino!! Ripotami qualcosa dalla Cina senza comprarlo su eBay :P