mercoledì, novembre 29, 2006

AHAHAhaahaAHAHahah

Una risata isterica, detto fra noi. Un urlo di dolore, anche. L'ho pensato leggendo la notizia per cui il tribunale di Roma ha bloccato Vodafone per concorrenza sleale. Per la trasparenza delle tariffe (!), Telecom non è obbligata (!!) a garantire l'apertura della sua rete (!!!).
Ma il caso trasparenza non è mica l'unico che ho letto in questi giorni, ce ne sono stati veramente di favolosi. Andiamo con ordine (non è vero, ma si dice sempre così): Panorama fa un articolo ricco di pura disinformazione su Rule of Rose un giochino tipo survival horror su playstation 2, come le api sul miele ovviamente ci si buttano tutti, seguono incredibili rivelazioni come la scoperta che qualsiasi moccioso può scaricarsi questi giochi proibiti da internet in men che non si dica, e eminenti figure politiche di questo paese parlano di "..." <- (devo cercarmi la citazione, pazientate, prima o poi editerò). Meno male che arriva la UE a bacchettarli, grazie al cielo a qualcuno il cervello non è ancora andato in pappa, le norme già ci sono, basta rispettarle e non rompessero i maroni.
Ancora: il direttore di Diario pubblica un dvd contenente un film-inchiesta su presunti brogli elettorali, un paio di giorni ed è il caos. Sarà vero? non sarà vero? la teoria è pura fantasia gli italiani ci sono cascati co tutte le scarpe? il tribunale ha intanto deciso che le schede (bianche, credo) non si riconteranno... ma, dico io, bastava darne un centinaio a testa alle migliaia di napoletani impiegati nelle cooperative che lavorano nella nettezza urbana e che prendono fior di quattrini per non fare nulla, un paio di giorni e tutti i dubbi erano fugati. E invece no, niente schede ricontate, e Deaglio indagato, tiè.
Inoltre: il ministro della pubblica istruzione (pubblica istruzione, gulp!) sogna un'internet filtrata, arrivando ad azzardare paragoni arditissimi, toccando vette di un'infelicità catastrofica, i fatti sono così raccapriccianti che si commentano da soli. STOP.
Last but not least, finalmente un'interpellanza seria e doverosa: grazie alla CdL per averci ricordato quanto sia importante boicottare multinazionali come l'Ikea, Oviesse, Standa (tanto il capo l'ha venduta) e Rinascente. E' necessario arginare questa "eutanasia culturale del paese" che è da troppo tempo in atto! Grazie. Firmate nei commenti per adesione. ok?

Intanto auguri a mia sorella, che compie ben 16 anni. Tralaltro il fare gli auguri a mia sorella mi ricorda che anche questo blog (o meglio, la mia attività di blogger) ha più di un anno, auguri anche a me. Cara Giovanna, ti auguro che nel nostro paese non ci sarà più bisogno di certe realtà che fanno accapponare la pelle. Tanti buoni festeggiamenti.

Continua a leggere...

domenica, novembre 26, 2006

Aspettando Kill Bill vol.2

'Quando Chuck Norris lo aspetta, Godot arriva' dicono i Chuck Norris facts, quanto dovrò aspettare io per vedere Kill Bill vol.2 su Rete4? In effetti la guida tv dichiara placidamente 23:40, certo che chiamarla seconda serata è decisamente una presa per il culo, beh, intanto posso decidarmi un po' a blogger e guardare l'horrorone (the call?) che danno su MTV.
Il tema della giornata è: è difficile resistere e non fare l'albero quando intorno a te tutto è già pieno di maledette decorazioni. Ma l'albero si fa l'8, perdindirindina! Intanto ho comprato una nuova palla per l'alberello a casa dai miei, e alcune piccole (e nere) per l'alberello qui a Perugia. E se lo facessi anche in ufficio? Sento nascere e crescere uno spirito perverso dentro di me.
Ah, che non lo guardate Kill Bill vol.2??! Maledetti.

Ah, in sala giochi finalmente han portato qualcosa di bello e consono, Pump it up! (link a me mentre faccio due salti). Ma non è tutto, ho ripreso anche due mie amiche (Maria e Shuang) mentre provano a imitare Algorithm Taiso, che poi sarebbe questa roba qui. Spero vivamente che nessuno mi quereli, di questi tempi che corrono poi tra google video e youtube proprio non si può stare tranquilli.
Capita la lezione? Rispetto delle tradizioni e fate l'albero l'8. Merry Christmas.

Continua a leggere...

mercoledì, novembre 22, 2006

Make your own kind of music

Ah, me tapino. Avevo scritto anche una lista di argomenti, quattro o cinque non di più, per fare in modo che il mio blog non patisse pause troppo lunghe, e rieccomi qui dopo l'ennesimo lungo intervallo a scrivere del più e del meno e del tempo che fa. Se c'è una cosa che mi contraddistingue è anche una considerevolmente distorta percezione del tempo.
Ripesco per una buona causa uno degli argomenti che avevo inserito nella copiosa lista: il mio iPod. Non era un argomento scelto a caso ma c'era un preciso fine dietro tutto ciò, parlare attraverso di esso della scandalosa pigrizia che mi affligge. E già parlando di pigrizia che mi affligge piuttosto che di essere pigro è indizio di quanto patologica possa essere la situazione.
Orbene i fatti sono questi e risalgono alla fine di luglio 2006, mentre ero in ufficio e armeggiavo con il mio ormai corpulento lettore mp3 improvvisamente si pianta e decide di non riconoscere più gli mp3 che aveva all'interno benchè gli stessi e gli altri dati che avevo dentro fossero ancora visibili esplorandone l'hard disk. In seguito, provando ad inserirlo, iTunes mi comunicò che sarebbe stato il caso di ripristinarlo.
Il punto qual è? E' che sono passati quattro mesi e probabilmente ne sarebbero passati ancora altri invano prima che mi decidessi a fare questo maledetto ripristino (che includeva installare anche il nuovo iTunes, decisamente troppo per le mie facoltà) se non si fosse verificato quanto segue.
E' uscito l'album di Damien Rice - 9. E su Damien si potrebbero spendere tante parole, anche farci un blog monografico a parte, quindi prendetelo e non fate tante storie. Ma per farmi adoperare neanche questo bastava: il caso ha voluto che quest'album e la memory stick del mio cellulare discutessero animatamente senza giungere ad un accordo soddisfacente.
Per ascoltare Damien l'iPod si ripristina, mi son detto.
Ripristinato l'iPod qualcos'altro dovremo pur metterci, ho inoltre pensato.
Quindi questo è ciò che ho infilato in due cartelle, comodamente chiamate Damien e Non Damien.
Damien contiene: Damien Rice - O & Damien Rice - 9.
Non Damien contiente: Yuki - Joy ( guardatevi il video, mi raccomando); Justin Timberlake - FutureSex/LoveSound; Sagi Rei - Emotional song; le colonne sonore di Guitar Hero I & II; Dresden Dolls - Yes Virginia, Minna Daisuki Katamari Damacy O.S.T. e alcuni mp3 slegati tra cui Make your own kind of music che gentilmente si presta anche come titolo di questo post ( nonchè come colonna sonora del giorno del mio compleanno, l'avrò ascoltata 30 volte quel giorno!).
Beh, c'è poco da fare, la musica ascoltata tramite l'iPod ha sempre qualcosa di diverso, di più vivido, di più emozionale. Mi è costato un po' di soldini ( e dopo un anno è uscito quello video, che costava uguale, sic) ma è una spesa che benedico, questa e i 30 € sborsati per comprare un cuscino nuovo, già.
Note: 1) Questa stagione di Report si conclude dopo una serie di puntate l'una più bella dell'altra. A presto Milena! 2) Amo follemente la mia nuova (e finalmente arrivata) tavoletta, spero di inondare questo blog di disegni 3) Possibile che non riesca a trovare dei nuovo cappuccetti per gli auricolari? li perdo ad una velocità fantasmagorica, anzi, quelli che erano usciti dal cellualare e volevo usarli per l'iPod neanche lì trovo più. sic.

Continua a leggere...