domenica, dicembre 25, 2011

Natale con... < 3 < 3 < 3

Soundtrack: Adele - Someone like you (eh sì, seguo le mode al ralenty)
25 Dicembre - 17:08 Sul treno verso Nanchino
Tra amici, studenti e altra fauna varia me l'avranno chiesto in venti, o forse in trenta: che fai per Natale? E io non so mai cosa rispondere.
è che da noi sono le feste, un tuttuno, quel paio di settimane dove stai a casa, mangi pane col formaggio scaldato davanti al camino, giochi a monopoli e, boh, se fossi a casa aspetterei l'epifania per avere la calza con le caramelle, la cioccolata e il carbone di zucchero, sì, a 30 anni.
Però boh, io a Natale non ricordo di aver mai fatto granché. La festa che mi rode adesso passare in Cina è il capodanno. Che faccio per l'anno nuovo? Meh. Ma vabbè, parliamo di quello che abbiamo fatto, che è meglio.
Così nell'intervallo tra un esame di fine semestre e l'altro sono andato a Shanghai. Per un paio di giorni, massì. Non è che ho fatto niente di speciale, però beh, almeno sono stato in compagnia. Ah, grande misfatto: la zona dove abitava il mio amico era una specie di quartiere giapponese a Shanghai, l'altra sera avevo puntato un ristorante che si chiama Himari (come la protagonista di Mawaruone: Uuunmeeee~~ !) che faceva Okonomiyaki e Takoyaki! Oggi ci volevo andare a pranzo prima di prendere il treno per tornare a Nanchino. Ma era chiuso! Era chiuso! Tragedia, raccapriccio e dolore!
Poi boh, ho conosciuto un altro valido giovanotto con cui ho passato tutto il pomeriggio a fondermi il cervello tra taiko no tastujin 12, un cabinatone con auto con sobbalzi di outrun 2, tekken 6, un gioco Taito dove devi salvare un circo da un'orda di clown zombie assassini. In serata siamo stati nell'area tempio-dinonsoche, proprio dov'eravamo approdati 3 anni e mezzo fa con quelli del master, questo è il negozio dove abbiamo mangiato dianxin, mi ripetevo, qui è il negozio dove Sara ha comprato la lingua d'anatra. Ho rifatto qualche foto in onore e una leggera tristezza mi ha stretto un po' la gola.
Ma non vi ho ancora raccontato di tutte le porcherie che ho comprato su Taobao. Ho aperto l'e-banking e ora posso combattere la noia comprando scatole di cioccolata a 30 rmb con spedizione inclusa. E poi non vi ho detto che in questa settimana sono finite un po' di serie che seguivo con interesse: Mawaru Penguidrum e American Horror Picture Show. Beh, ma non ci possiamo sempre ricordare di dire tutto quello che vorremmo. Un abbraccio e buon Natale a voi e ai vostri cari.

Live long and prosper <3

Continua a leggere...

martedì, dicembre 06, 2011

Ma che, ...davero?

Dicembre è iniziato, è arrivato il freddo. Ho smesso di fare le lezioni all'università di farmacologia. Finite anche quelle del quarto anno. In queste ultime settimane del primo semestre in pratica le ore di lezione settimanali sono passate da 28 a 12.
Stamattina mi alzo per le mie due orette di scrittura con il terzo anno, torno in camera alle 10, il resto della giornata è libero, che pacchia. Guardo Desperate Housewives su youku, poi mensa. Poi di nuovo in camera e guardo prima Mirai Nikki e poi American Horror Story. Eh, c'è poco da fare... anche se ho gli ultimi compiti di quelli del quarto anno da correggere la tentazione più forte è sempre quella di mettersi a cazzeggiare. Con l'aggiunta di quel gusto del proibito in quanto so che dovrei fare altro. Poi controllo la pagina del blog e ripenso... sarà tanto che non lo aggiorno. E scopro che l'ultimo post è del 5 luglio. LUGLIO. 5 mesi fa. Quando ero in procinto di lasciare Nanchino. Uggesù.

Non me l'aspettavo. Ho sforato davvero questa volta. Mi dispiace. Certo è che il mese e mezzo a casa si sintetizza in fretta: mangiare, dormire, bayonetta. Quindi in effetti l'ispirazione per i post è un po' mancata. E il periodo nanchinese invece? mah, c'ho provato ogni tanto a scrivere qualcosa: aggiornamenti su quello che facevo, quello che vedevo, finiti sempre cestinati oppure ho rinunciato per la rogna di dover accedere ad internet e bla bla, 'na sega 'sto firewall cinese. Adesso per qualche mesetto dovrei stare a posto che c'ho una VPN (mah, si fa per dire... il sito di questi è pure scomparso... saranno scappati via coi miei dati e tanti saluti?). Comunque beh, sono tornato è non c'è più Angelo, non è una bella cosa. La scuola ha pensato bene di fregarmi cancellando l'arrivo del nuovo insegnante di italiano, in pratica sono rimasto solo io. Mi sono sentito incazzato per un bel po', poi ci si sono messi anche gli studenti della classe di farmacologia: un mucchio di somaracci che pensavano che avrebbero imparato l'italiano per osmosi. o dormendo in aula, mah.
Mah, i riassuntini lasciamoli perdere che a leggerle così tante cose sembrano poco o nulla interessanti. Magari amplieremo quando scriverò il mio libro di memorie. Insomma, arriva l'inverno, ho appena ordinato una mutandona intima e un maglione su internet. Tutto preso com'ero dagli impegni, dalle lezioni e gli esami il tempo è passato in fretta. Qualche bel momento non è mancato, così come qualche amico nuovo si è affacciato nella mia vita. Ma ne riparleremo, presto, lo prometto. Intanto non dimenticatevi di me che me ne sto da solo a Nanchino, ok?

Continua a leggere...